PRODOTTI TIPICI

UNA TERRA RICCA DI TRADIZIONI CULINARIE

La Val di Magra essendo un territorio variegato sia per tradizioni storiche, sia per posizione geografica, che per influssi culturali; parzialmente inserita in Lunigiana, sospesa tra Liguria e Toscana, ha beneficiato a livello gastronomico di molteplici influenze.
Tutto ciò si riflette in una cucina povera ma sostanziosa, capace di sfamare molti anche in periodi di gravi carestie. Ne sono esempio i prodotti ricavati dalle farine di castagno, come il castagnaccio o le frittelle di castagno, da quelle di ceci da cui si ricava la farinata e da quelle di farina di grano tenero, con la quali si fano i testaroli ed panigacci. Ma anche terra di torte di verdura, che hanno il loro sostrato nel “preboggión” genovese. Su tutte la Scherpada di Ponzano Superiore e la Scarpazza sarzanese.

Farinata

Piatto tipico ligure, la farinata trova terreno fertile in Val di Magra, in special modo a Sarzana, dove nel corso dei secoli ha saputo arricchirsi in sapore e fragranza. Composta da farina di ceci, acqua, olio, un pizzico di sale e pepe, viene amalgamata e  cotta in una teglia. 

Scherpada

Tipica del paese di Ponzano Superiore la Scherpada è un piatto semplice che trae le sue origini dalle antiche tradizioni contadine. Di forma tonda, è composta da due strati sottili ottenuti impastando acqua, farina e sale, i quali avvolgono un composto formato da erbe spontaneee dei campi, bietole, zucca gialla, porri, formaggio pecorino grattuggiato, formagio vaccino stagionato grattugiato, olio e mollica di pane. Il tutto poi viene cotto nei testi o in piccole teglie per una ventina di minuti.

Prosciutta

La Prosciutta di Castelnuovo Magra si ottiene lavando la carne delle coscie del maiale, senza stinco e zampino, in modo da avere solamente la parte più magra. Poi viene pressata e salata per diversi giorni. In seguito viene aggiunto un mix di spezie e lasciato a maturare al caldo in presenza delle erbe del territorio per circa un paio di mesi. In seguito viene lasciata per molto tempo, mesi ma anche anni, a stagionare intercalando diversi processi di stuccatura.

Sgabei

Gli Sgabei nascono come prodotto tipico della Val di Magra, per poi, attraverso varie fasi storiche estendersi allo spezzino ed al resto della Lunigiana. Piatto povero per eccellenza, perchè ricavato dagli scarti della lavorazione del pane.
I quali venivano tagliati a striscioline e fatti lievitare, per poi essere fritti con abbondante olio extravergine di oliva.

Focaccia sarzanese

La Focaccia sarzanese, che prende il nome da dove è stata concepita, è un dolce di forma rotonda tipicamente natalizio. Composta da farina di grano tenero, uva passa, uova, zucchero, noci e nocciole sgusciate, vino bianco, olio extravergine d’oliva, lievito di birra, semi di anice, sale e canditi. Si serve fredda.

Spungata

Dolce natalizio, la Spungata o Spongata è fatta con una frolla simil brisée e riempita di marmellata con l’aggiunta di pinoli, mandorle e frutta candita. Successivamente il tutto viene ricoperto da un secondo strato di pasta. In questo modo la Spungata resta croccante all’esterno e morbida all’interno.

Buccellato

Tipico dolce sarzanese a forma di ciambella, di pasta lievitata e aromatizzata con scorze di limone o arancia. Il bucellato è tipico del periodo pasquale, anche se ormai viene preparato in tutti i periodi dell’anno.

Torta di riso

Di antica tradizione vezzanese, la torta di riso dolce, che accompagnava i momenti di festa un pò in tutto il territorio spezzino, è composta da ingredienti semplici come riso, zucchero, uova, latte limone, sale grosso e per la sfoglia: farina, zucchero, olio, anice.

it_ITItaliano
en_USEnglish it_ITItaliano